Diario di una schiappa [Sett. Giovedì]

Diario di una schiappa

SETTEMBRE

Giovedì

Ho dei seri problemi ad abituarmi al fatto che l’estate è finita e che devo alzarmi dal letto tutte le mattine per andare a scuola.

L’estate non era iniziata esattamente alla grande, grazie a Rodrick, mio fratello maggiore.

Un paio di giorni dopo l’inizio delle vacanze, Rodrick mi ha svegliato nel cuore della notte. Mi ha detto che avevo dormito per tutta l’estate, ma che per fortuna mi ero svegliato appena in tempo per il primo giorno di scuola.

Penserete che sono stato un bel cretino a cascarci, ma Rodrick aveva addosso i vestiti di scuola e aveva messo lasveglia avanti, così sembrava mattina. E poi aveva chiuso le tende per non farmi vedere che fuori era ancora buio.

Quando Rodrick mi ha svegliato, mi sono vestito e sono sceso a prepararmi la colazione, come faccio sempre nei giorni di scuola.

Ma devo aver fatto troppo rumore perché è arrivato giù di scorsa Papà urlando che cosa diavolo ci facevo in cucina a mangiare i corn flakes alle 3.00 del mattino.

Ci ho messo un momento a capire cosa cavolo stava succedendo.

Quando l’ho capito, ho detto a Papà che Rodrick mi aveva fatto un scherzo, ed era LUI che doveva predersi la sgridata.

Papà è sceso al piano di sotto dove c’è la stanza di Rodrick, pronto a conciarlo per le feste, e io dietro. Non vedevo l’ora che si beccasse quello che meritava.

Ma Rodrick aveva un alibi di ferro. E sono sicuro che Papà è ancora convinto che io sono un po’ fuori di testa.

分享到 评论